C’è nessuno

Il terrorista Battisti: «Adoro Rio perché è come Napoli». Anche lì il governo italiano non può nulla.

Un sondaggio rivela che le casalinghe più disperate sono italiane. Ad esempio hanno ideato questo sondaggio.

Miss Italia dovrà essere colta e informata. Quest’anno nel desiderare un mondo migliore saprà anche dirci quale.

I ribelli libici si riprendono l’attenzione dei mass-media. Mi sa che la crisi economica ha iniziato a dare noie pure lì.

Uccisi altri parenti di Gheddafi. Gli stanno rovinando il Natale.

Gheddafi: combatterò fino all’esaurimento. A quel punto basterà distruggere tutte le confezioni di Xanax.

Il TG libico annuncia: “Il palazzo e la televisione di Stato sono nelle mani di criminali”. Ma sempre a pensare ai cazzi nostri?

Dopo mesi a Tripoli è tornata internet. Il rais vuole farli ammazzare di pippe.

Tripoli, decapitata la statua di Gheddafi. Altrimenti fra un mese non gli somiglia più.

Gheddafi parla alla radio. Degli anni ’80 gli è rimasto solo quello strano slang.

Indiscrezioni sostengono che Gheddafi si rifugerà in una fattoria. O in un’isola dei famosi.

Un ribelle libico ringrazia Obama, l’America, Sarkozy, Berlusconi. Senza di loro non si sentirebbe così fortunato.

In LIbia rapiti ben quattro giornalisti italiani. Verranno esposti in un museo.

I quattro giornalisti italiani vengono malmenati e minacciati. Dicono di non sapere niente.

Liberati i quattro giornalisti italiani. E’ finito lo stage.

Sicuramente Gheddafi non è morto, non è ancora uscito il singolo.

Identificato tizio che in un mese ha chiamato il 113 duemila volte. Hanno risposto.

0 comments

Rispondi: