Il muro di Trump

Il muro di Trump è un problema temporaneo e aggirabile, lo sappiamo noi, lo sa Trump e lo sanno i saltatori con l’asta messicani.
Ecco come si muoverà la neo presidenza quando col tempo vedrà persistere tra le mura amiche la moda del Dirty Sanchez.

1) Allungare il muro.
2) Allungare un altro po’ il muro.
3) Essere stufi e minacciare di alzare il muro.
4) Alzare il muro.
5) Alzare il muro tantissimo.
6) Costruire un muro sotterraneo.

* fine primo mandato *

7) Scavare un fossato al di là del muro.
8) Aggiungere i coccodrilli.
9) Aggiungere cartelli “sciò” e “via di qua”.
10) Aumentare lo spessore del muro (“ma perché non ci abbiamo pensato prima?!”).
11) Sedare le proteste per gli espropri costruendo muri intorno alle manifestazioni.
12) Sedare le proteste per la libertà di pensiero costruendo muri intorno a chi pensa.

* fine secondo mandato, sale al Governo l’AD della ditta “EdilMimmo & figli, tutto per il calcinaccio” *

0 comments

Rispondi: